Vai al contenuto principale
Logo di Dottorato in Business and Management
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Internazionalità

Il grado di internazionalizzazione del corso di Dottorato in Business and Management è dimostrato dalla partecipazione di iscritti di nazionalità diversa e dagli accordi di collaborazione con Atenei e centri di ricerca stranieri volti ad accrescere le opportunità di formazione scientifica dei candidati e dei docenti coinvolti.

Sono infatti previsti accordi di co-tutela e periodi di studio all’estero sia per i dottorandi sia per i docenti.

Il progetto formativo si caratterizza anche per la presenza di co-tutele, che permettono di rafforzare le relazioni transnazionali e internazionali nel campo della ricerca. Gli Atenei coinvolti sono i seguenti:

Gli Atenei coinvolti dalle co-tutele in corso sono i seguenti:

  • Vrije Universiteit

E’in corso una co-tutela con la Vrije Universiteit di Amsterdam (VU), avente per oggetto "Direct, indirect or agency-selling in online channel? Analysis of affordances, resources and capabilities for effective manufacturers’ distribution choices " (ciclo XXXVI), sostenuta da un individual agreement tra il candidato, il coordinatore di dottorato, il supervisor estero, il rettore di Unito e di quello della VU.
La Vrije Universiteit rappresenta l’eccellenza dell’istruzione e della ricerca Olandese, classificata costantement tra le prime 200 Università al mondo per quanto riguarda Business & Management Studies secondo il prestigioso QS ranking.
ll progetto si pone come obiettivo la produzione di tre particolari indagini scientifiche.

In primo luogo verrà effettuata un'analisi della letteratura esistente, finora inedita, per catalogare al meglio e mettere a disposizione degli studiosi e dei professionisti i risultati che la ricerca scientifica ha, ad oggi, prodotto sulla gestione dei canali online dalla prospettiva delle aziende manifatturiere. L’analisi proporrà dei chiari spunti di riflessione sintetizzati in una pubblicazione di una review della letteratura in una rivista scientifica internazionale.

In secondo luogo, la ricerca si propone di andare oltre quanto esaminato sinora, proponendo e testando nuovi modelli che consentano ai produttori di orientare facilmente i propri investimenti verso un tipo di modalità di vendita online a scapito di altre, in base alle proprie priorità strategiche, alle risorse e alle capacità interne. Nello specifico, applicando innovativamente la teoria dell’Affordance (che ha le sue origini nel campo della psicologia ambientale) al marketing, vengono identificati di tre macro obiettivi che l’adozione dell’ecommerce permette alle aziende di perseguire quali, internazionalizzazione, diversificazione del portfolio clienti (B2B) e acquisizione di dati sui consumatori finali. Infine due studi empirici testeranno con metodi quantitativi, l’effetto che i diversi approcci alla vendita online ovvero, diretto, con intermediario o indiretto, provocano alla relazione tra competenze digitali e il conseguimento degli obiettivi strategici aziendali precedentemente individuati.

 

  • University of Agder

Sono in corso due co-tutele con l'University of Agder, i cui temi principali sono "The role of Open Innovation in fostering Circular Business Models" e "Circular Business Models in the face of Grand Challenges: entrepreneurial and organizational opportunities" (ciclo XXXVI). L’University of Agder (UiA) è riconosciuta per la presenza di docenti di grande prestigio in ambito internazionale, nonché per la sua spiccata eterogeneità culturale. Entrambi i progetti fanno riferimento al Dipartimento di Management della School of Business and Law, inserendosi nel percorso del dottorato in Business and Management.
I due progetti di ricerca si concentrano su realtà economiche le cui attività sono interamente o parzialmente dedicate all'integrazione dei principi dell'Economia Circolare. Entrambi, sono concepiti come studi approfonditi in merito a questa pratica sostenibile, sempre più diffusa tra le aziende di tutto il mondo. In particolare, i processi di innovazione di queste aziende saranno esaminati con due lenti diverse. Il primo progetto di ricerca si occupa del ruolo dell'openness in network circolari e sulla collaborazione tra aziende, quali imperativi strategici propedeutici allo sviluppo di innovazioni circolari. Il secondo, utilizza un approccio organizzativo e si concentra sulla collaborazione di diversi stakeholder nello sviluppo di innovazioni per affrontare le grand challenges.

Le co-tutele già concluse hanno permesso ai Dottori di ricerca di rafforzare le relazioni transnazionali e internazionali nel campo della ricerca. 

Gli Atenei coinvolti sono stati i seguenti:

  • Université Paris-Saclay, Ecoles Doctorales 

E’ terminata ed aveva per oggetto "The Value creation in Industry 4.0" (ciclo XXXIV), sostenuta da una sovvenzione pubblica supervisionata dall'Agenzia nazionale francese di ricerca finanziato dall'IDEX Paris-Saclay.

L’Université Paris-Saclay è riconosciuta per la presenza di docenti di grande prestigio in ambito internazionale.
Il progetto si è inserito nel percorso del dottorato in Business and Management, in quanto si è focalizzato su fenomeni complessi che richiedono un approccio intersettoriale di indagine, tra i quali l'Industria 4.0. Il progetto di ricerca ha analizzato le principali forze trainanti e vincoli dell'Industria 4.0 nei sistemi manifatturieri, attraverso approcci concettuali, qualitativi e quantitativi.

In primo luogo, la ricerca ha verificato quantitativamente la relazione causale positiva e significativa tra apertura all'Industria 4.0 e performance nel settore manifatturiero su un campione rappresentativo di aziende nel 2018. In secondo luogo, ha esplorato qualitativamente il ruolo di barriere e incentivi per le imprese manifatturiere e indaga quantitativamente l'effetto moderatore di tali concetti sulla relazione tra apertura all'Industria 4.0 e performance su un campione altrettanto rappresentativo nel 2019.

Infine, ha integrato la letteratura su Industria 4.0, gestione della complessità e teoria degli ecosistemi per supportare al meglio la ricerca sull’Industria 4.0.

 

  • Universitè Jean Moulin-Lyon 3, Ecoles Doctorales

E’ terminata una co-tutela con Universitè Jean Moulin-Lyon 3, Ecoles Doctorales avente per oggetto "Il comportamento dei consumatori e dei venditori nell’era digitalizzata" (ciclo XXXIII), anch'essa allineata alle tematiche del dottorato.

L’Universitè Jean Moulin-Lyon 3 è riconosciuta per la presenza di docenti di grande prestigio in ambito internazionale. In particolare, il progetto di ricerca ha avuto l’intento di estendere la conoscenza sul comportamento dei consumatori e dei venditori attraverso tre studi esplorativi (due qualitativi lato consumer e retailer e l’ultimo quantitativo).
I risultati hanno evidenziato il ruolo della tecnologia immersiva se affiancata da un coinvolgimento emotivo ad un prodotto, senza il quale resta un mero strumento edonico. Le implicazioni della relazione tra coinvolgimento del prodotto e intenzioni di comportamento mediate dall’esperienza immersiva con realtà aumentata descritte nel modello sviluppato nella tesi di dottorato aprono nuovi orizzonti manageriali per tutte quelle imprese - che consce dei benefici di queste tecnologie - desiderano implementare per migliorare le loro performance.

I principali Atenei e centri di ricerca internazionali con i quali il corso mantiene collaborazioni di ricerca, sono indicati nella tabella dedicata.

Gli ambiti di studio e ricerca sono allineati ai "core business" di questi centri di ricerca o Atenei.
Il percorso formativo prevede dei periodi di visiting all'estero di almeno 6 mesi complessivi (anche in momenti non consecutivi) presso Atenei, istituzioni di ricerca o altri partner.

Ultimo aggiornamento: 20/05/2022 11:55
Non cliccare qui!